Il Teatro Olimpico di Vicenza, considerato il più bello al mondo, si prepara a ospitare la XXV edizione delle Settimane Musicali, fino al 15 giugno un cartellone fitto di appuntamenti di assoluto rilievo

Oltre ad essere definito il teatro lirico più bello al mondo, frutto di quell’impareggiabile genio che è stato Andrea Palladio, il Teatro Olimpico di Vicenza fino al 15 giugno 2016 sarà al centro di ben venti appuntamenti tra opera, concerti solistici e di musica da camera, un concorso pianistico, presentazioni di libri e conversazioni con critici e artisti. Appuntamenti che fanno parte della XXV edizione del Festival delle Settimane Musicali e vedono alla guida il direttore artistico Giovanni Battista Rigon, con il progetto per la musica da camera curato dalla violinista Sonig Tchakerian.

La stagione 2016 si realizza con il sostegno del Comune di Vicenza e, portando in scena “Le nozze di Figaro”  dopo il “Don Giovanni” e “Così fan tutte” degli anni scorsi, conclude la trilogia mozartiana delle opere su libretto di Lorenzo Da Ponte.

«Sono orgoglioso – ha affermato il maestro Rigon – di avere impresso al festival una cifra di modernità invitando artisti della nuova generazione, come ad esempio il regista Lorenzo Regazzo, che all’Olimpico ha espresso la propria visione operistica lavorando sulla trilogia mozartiana, vera summa del teatro musicale di tutti i tempi. Da dodici anni la nostra è l’unica organizzazione nella città di Vicenza a produrre l’opera lirica e a portarla nel Teatro Olimpico, e per la qualità e l’originalità delle nostre programmazioni, valutate su scala nazionale, nel 2012 abbiamo ottenuto il prestigioso premio Abbiati dell’Associazione Nazionale Critici Musicali, come migliore iniziativa dell’anno. Nel 2016 inoltre festeggiamo venticinque anni di storia, che fanno del nostro festival una delle realtà di produzione musicale più longeve della città e tra le più prestigiose della regione e dell’intera nazione».

«Le Settimane Musicali – ha ricordato invece Sonig Tchakerian – sono l’occasione per creare ensemble speciali, invitando amici a suonare insieme. Il nostro incontrarci al Teatro Olimpico si basa su un grande senso di rispetto e di condivisione, elementi essenziali per interpretare assieme la grande musica». Così, sul palco dell’Olimpico, sono invitati artisti di primo piano, dagli ospiti abituali – come Mario Brunello e l’Orchestra di Padova e del Veneto – ai graditi ritorni – come quello della violoncellista Silvia Chiesa – fino alla novità della prima presenza al Festival del pianista Benedetto Lupo.

I biglietti sono disponibili online, ma possono essere acquistati anche presso la biglietteria del Teatro Comunale Città di Vicenza (dal martedì al sabato dalle 15.00 alle 18.15; tel. 0444.324442) e al botteghino del Teatro Olimpico (dal martedì alla domenica dalle 11.00 alle 13.30 e dalle 14.00 alle 16.00; tel. 0444.222801), mentre l’intero programma è pubblicato e disponibile sul sito web www.settimanemusicali.eu.

Tra gli appuntamenti più importanti:

La musica da camera

25 maggio – inaugurazione: “La musica da camera di Johannes Brahms” (Primo concerto)

28 maggio – “Incontri col Maestro”

7 giugno – “In prima assoluta”

8 giugno – “La musica da camera di Johannes Brahms” (Secondo concerto)

15 giugno – chiusura del festival: “Due violini per Vivaldi e Bach”

La trilogia mozartiana e Rossini

Presentazione di “Mozart all’opera”,

“Le Nozze di Figaro” di W. A. Mozart, libretto di Lorenzo Da Ponte

“Petite Messe Solennelle” di Gioachino Rossini

Andrea Bedetti

Andrea Bedetti

Andrea Bedetti